21 Maggio 2022

Atteggiamenti sinodali in un santuario mariano di Taiwan

Asia
Format: Texts & Image
Type: Communication
Organisation: Archdiocese / Diocese
Il gesuita Augustine Tsang, della Facoltà di Teologia San Roberto Bellarmino di Taipei (Taiwan), ci racconta una bella storia sinodale che si svolge nel santuario mariano di Wu-Feng-Qi, situato sulle montagne della contea di Yi Lan a Taiwan. Si tratta dell’azione di evangelizzazione svolta da John Paul Lin, uno dei volontari del santuario che, attraverso la vicinanza e l’ascolto, entra in dialogo con le persone, la maggior parte delle quali non sono cattoliche. Per farlo, utilizza i simboli religiosi del santuario per spiegare pedagogicamente i contenuti della fede. Il suo obiettivo è coinvolgerli nella missione di Cristo.

Il santuario è stato costruito in onore della Madonna che si dice sia apparsa a cinque alpinisti che si erano persi di notte e dovevano tornare a Taipei e al loro lavoro. I cinque, non cattolici, hanno detto che una Signora li ha condotti in sicurezza sulla montagna e hanno identificato la Signora come la Madre.

Il santuario è stato costruito dall’arcidiocesi di Taipei. Ha una cappella, una grotta della Madonna e alcuni edifici. Vi abitano un sacerdote e alcune suore, e a volte i cattolici laici possono utilizzare il luogo per riposare e ritirarsi in silenzio. Poiché il santuario si trova a metà strada dalla cima della montagna e nelle vicinanze vi è una cascata, è uno dei luoghi preferiti dagli alpinisti e dai turisti di tutta Taiwan, anche dai Paesi stranieri.

John Paul Lin è originario di Taiwan. È molto motivato nell’evangelizzazione e nel processo sinodale, consapevole della rapida diminuzione del numero di cattolici a Taiwan. Il suo zelo e la sua dedizione sono davvero notevoli e ammirevoli. In modo semplice e accessibile, nei suoi dialoghi con i turisti, risponde anche ai loro dubbi o domande sulla fede cattolica.

Potete ascoltare la testimonianza John Paul Lin in questo video

[GTranslate]